Info, eventi, social





  • 2002: Partecipazione in qualità di ricercatrice al progetto “European Study of the Epidemiology of Mental Disorders” (ESEMED), coordinato in Italia dall’Istituto Superiore di Sanità promosso dall’O.M.S e dall’Università di Harvard
  • 2005: Conduzione di una Ricerca sulla condizione femminile all’interno delle carceri dell’Emilia Romagna promosso dall’Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna (pubblicata da Franco Angeli dal titolo “Donne e Carcere”)


Psicologo del Trauma - come sciogliere il dolore di un trauma - Bologna

Come sciogliere il dolore di un trauma?

La figura dello psicoterapeuta è certamente un aiuto importante, talvolta necessario. Attraverso l’aiuto di un professionista specializzato in traumi si attraverseranno inizialmente i vissuti antichi esacerbati dal trauma stesso, per poi, dopo poche sedute, passare alla tecnica risolutiva per eccellenza rispetto a traumi, lutti e fobie, che è l’EMDR (EYE MOUVEMENT DESENSITIZATION AND REPROCESSING).

Ma prima di parlare della tecnica in sé, descriverei brevemente cos’è un trauma.

Un trauma è un evento che impatta a tutti i livelli nel vissuto interno della persona, unito spesso anche ad una certa attivazione del corpo, e può interferire con il normale funzionamento del soggetto se esso si trasmuta in Disturbo Post Traumatico da Stress, oppure non impattare in modo così evidente e pervasivo trasformandosi per esempio in fobia oppure in difficolta ad attraversare situazioni di vita che, in modo tacito e automatico, riportano il soggetto a quell’antico vissuto.

Nella quotidianità, il soggetto stesso pare non credere nemmeno di essere portatore di un trauma.

Lo psicoterapeuta specializzato in trauma, usando la tecnica dell’EMDR, non fa altro che aiutare il paziente ad integrare il dolore del ricordo traumatico nella vita stessa del paziente; in buona sostanza il soggetto certamente continuerà a ricordare l’evento ma il medesimo ricordo non restituirà più lo stesso disagio nella vita presente dello stesso.

Purtroppo, spesso e molto di più di quanto si creda, i traumi esistono, si formano e prendono piede nella vita della persona con parecchie conseguenze negative - come accennavo prima - e possono essere l’origine di varie fobie.

Come successo ad A., la quale, mentre parlavamo di fobie e le accennavo la possibilità di un trattamento di EMDR specifico per (appunto) fobie, lutti e traumi, ha collegato un suo evento traumatico passato di cui ancora non mi aveva parlato.

 A. aveva 12 anni e si trovava in auto con la sorella diciottenne, c’era nebbia e lei ricordò di aver sentito un impatto molto forte dell’auto che le fece pensare, all’epoca, ad uno schianto d’uccello; in realtà non si trattava affatto di un piccolo animale finito sul parabrezza ma un uomo che purtroppo morì sul colpo. Mentre la sorella rimase scioccata e questo stato durò probabilmente per molti anni, la mia paziente sviluppò la fobia per gli uccelli. Nonostante la fobia esperita fino a quel giorno, quando la paziente riuscì in questa correlazione attraverso l’uso dell’EMDR, smise di soffrirne.

E così pure T., paziente trentenne che aveva subito numerose violenze fisiche (percosse da parte del padre). Essendo anche lui padre, in seguito ad una sculacciata alla figlioletta, iniziò a tremare, collegando la percossa a quelle che lui aveva subito parcheggiandole in un angolo della sua coscienza. Ne conservava, pertanto, sì il dato mnestico ma non il vissuto emotivo, che invece si era slatentizzato solo dopo le percosse alla bambina.

Ecco allora che, intervenire con una terapia per aiutare il paziente a fare le connessioni giuste, servirà a RIATTRAVERSARE il suo passato doloroso e, attraverso l’uso dell’EMDR, ad elaborare i suoi antichi traumi o fobie.

Autore: Dott.ssa Chiara Satanassi
Psicologa e Psicoterapeuta a Bologna



Ambiti di intervento

  • Disagio o difficoltà di relazione (sociale, di coppia, familiare)
  • Disturbi dell’infanzia e dello sviluppo (disturbo da iperattività e Mutismo selettivo)
  • Disturbi dello spettro psicotico (schizofrenia, schizoaffettività, Disturbo delirante e Disturbo Pscicotico breve)
  • Disturbi d'ansia (attacchi di Panico, disturbi d’ansia generalizzata, ipocondria, fobie, ossessioni, compulsioni, stress post-traumatico)
  • Disturbi dell'umore (depressione, disturbo bipolare)
  • Difficoltà legate alle fasi della crescita (adolescenza, gravidanza, menopausa, pensionamento, lutto, perdite...)
  • Disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, obesità)
  • Disturbo del controllo degli impulsi (gioco d'azzardo patologico GAP, cleptomania, piromania, tricotillomania);
  • Disturbi di personalità (dipendente, evitante, ossessivo-compulsivo, antisociale, istrionico, narcisistico, paranoide, schizoide, schizotipico);
  • Disturbi sessuali (desiderio sessuale ipoattivo, avversione sessuale, impotenza, frigidita', anorgasmia, eiaculazione precoce, vaginismo)
  • Tossicodipendenza e droga (abuso di droghe e psicofarmaci)
Attacchi di Panico Bologna

Dott.ssa Chiara Satanassi - Psicologo Psicoterapeuta Bologna
Riceve presso lo studio privato sito in Via Canova 19, 40138 Bologna
chiarasatanassi@libero.it | privacy | cookie policy

num albo 3539 sezione A del 01/01/2004 Laurea in Psicologia Clinica

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi.
I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2015 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Chiara Satanassi.
Ultima modifica: 04/04/2016